Ambiti di applicazione della mindfulness

Gli ambiti di applicazione della mindfulness
Picture of Giulia Uberti
Giulia Uberti

Indice

La popolarità della mindfulness è in continua espansione così come i suoi ambiti di applicazione. Dal benessere generale fino ad arrivare al trattamento di disturbi più specifici, per la sua versatilità e per i notevoli risultati che sta ottenendo, questa disciplina è sempre più utilizzata per aiutare le persone ad affrontare sofferenza e difficoltà.

In questo articolo, scopriremo insieme alcuni degli ambiti in cui la meditazione di consapevolezza può essere utilizzata e con quali obiettivi. 

Prevenzione e benessere generale 

Uno dei contesti in cui sicuramente la mindfulness è più utilizzata è quello della prevenzione e della promozione del benessere.

Infatti, la meditazione di consapevolezza aiuta a ridurre i livelli di stress e ansia nelle persone e questo porta notevoli benefici sul benessere psicofisico

A livello fisico la mindfulness permette di regolare il ritmo cardiaco e quello respiratorio, favorendo una regolazione della pressione arteriosa e migliorando la circolazione del sangue nel nostro sistema corporeo. Inoltre, i benefici riguardano anche diversi apparati corporei come quello muscolare, cutaneo, immunitario. 

A livello psicologico, invece, tra i benefici più diffusi si riscontrano un miglior livello di rilassamento e un aumento dei sentimenti positivi con conseguente riduzione di quelli negativi. 

La meditazione di consapevolezza sembra, quindi, essere uno strumento molto utile per la prevenzione di malattie come l’infarto, l’ictus o per prevenire lo svilupparsi di problematiche causate da un eccessivo stress.  

Sempre all’interno dell’ambito preventivo la mindfulness può essere usata come importante risorsa per quanto riguarda il benessere degli adolescenti

Questa fascia di età, infatti, è caratterizzata da importanti cambiamenti sia dal punto di vista fisico che psicologico. 

Negli ultimi anni, sono stati quindi sviluppati dei protocolli di mindfulness integrata con l’autocompassione per aiutare i giovani adolescenti ad affrontare questo periodo di transizione. L’obiettivo di questi protocolli è quello di favorire una maggiore accettazione di se stessi, riducendo il rischio di patologie come, ad esempio, disturbi del comportamento alimentare o disturbi dell’umore. 

Formazione aziendale 

Un altro ambito in cui la mindfulness è sempre più richiesta ed utilizzata è quello della formazione aziendale

Anche per quanto riguarda il benessere aziendale la mindfulness può essere utilizzata per raggiungere diversi obiettivi.  

In primo luogo, numerosi studi attestano che, praticando regolarmente la meditazione di consapevolezza, aumenta la materia grigia nelle aree del cervello deputate alle funzioni cognitive come memoria e attenzione. Questo giova dal punto di vista lavorativo in quanto porta ad un incremento della concentrazione e della produttività. 

La mindfulness, inoltre, aiutando a ridurre i livelli di stress può essere utile nella prevenzione del burn-out e del disturbo da stress lavoro correlato

Un altro vantaggio riguarda il working-life balance. Questo è un aspetto a cui le persone stanno dando sempre più valore e che spesso è determinante sulla scelta del posto di lavoro adatto a loro. Insegnando a rimanere nel presente, la mindfulness permette di separare la vita personale da quella professionale, concentrandosi solo su ciò che sta succedendo in quel momento e lasciando andare le ansie e le preoccupazioni che possono compromettere questi ambiti. 

Infine, integrare progetti di formazione aziendale con training di mindfulness specificatamente pensati per la realtà aziendale permette di migliorare il clima lavorativo. Da un lato perché i dipendenti e i lavoratori dell’azienda sentono che il proprio datore di lavoro si preoccupa per il loro benessere psicofisico e che sta mettendo in atto alcune strategie per favorire il loro sviluppo e la crescita personale. Dall’altro perché i training di mindfulness permettono di sviluppare relazioni migliori con i propri colleghi e favorisce quindi il team building. 

Sport 

In ambito sportivo la mindfulness viene impiegata per ritrovare una sinergia tra corpo e mente. 

Attraverso la pratica di consapevolezza si impara, infatti, a diventare più consapevoli del proprio corpo, delle tensioni e dei limiti che i muscoli possono sopportare.

Questo aspetto ha una particolare importanza soprattutto quando si affrontano recuperi da infortuni. In questi casi, infatti, è importante capire fin dove il proprio corpo può spingersi per riprendersi al meglio ed evitare delle ricadute. 

Inoltre, alcuni protocolli di mindfulness, come ad esempio il protocollo MindfulRunning sono pensati specificatamente per raggiungere degli obiettivi a livello sportivo e imparare a gestire l’ansia da prestazione in maniera funzionale. 

Usando la mindfulness è possibile aumentare la consapevolezza delle proprie capacità e delle proprie risorse e porsi degli obiettivi concreti e raggiungibili, arrivando anche al proprio stato di flow ovvero alla condizione di miglior performance individuale. 

Scuola

Per quanto riguarda l’ambito scolastico, la mindfulness può essere un valido aiuto sia per insegnanti che bambini. 

Gli insegnanti possono trarre vantaggio da questa tecnica perché imparano a gestire l’ansia e lo stress che spesso subentrano quando si ha a che fare con questa particolare fascia evolutiva. 

Inoltre, questa tecnica può essere integrata all’interno della loro didattica per aiutare anche i bambini e gli adolescenti nel loro percorso scolastico. 

In particolare, la mindfulness può essere utilizzata per affrontare alcune delle difficoltà che bambini e adolescenti incontrano nel loro percorso di crescita come ansia, stress, problematiche cognitive e attentive. 

Negli ultimi anni, inoltre, nelle scuole sta aumentando l’attenzione allo sviluppo di soft skills. Queste competenze trasversali sono riguardano, ad esempio, l’autostima, la creatività, il problem solving, l’empatia, una comunicazione assertiva. 

La mindfulness può essere un utile strumento da integrare nei programmi scolastici per raggiungere questo scopo.  

Infine, la meditazione di consapevolezza aiuta i bambini ad avere un maggior contatto con il proprio corpo e le proprie emozioni. In particolare, favorisce una maggior regolazione delle emozioni e una modulazione del comportamento, riducendo così alcune delle problematiche che sono tipiche dell’infanzia e della prima giovinezza. 

Ambito ospedaliero

La meditazione di consapevolezza sta acquisendo sempre più successo anche in ambito sanitario e ospedaliero. 

I suoi numerosi benefici a livello fisico la rendono un’ottica tecnica del benessere in diversi settori della sanità pubblica. 

In primis, la mindfulness offrendo la possibilità di affrontare la sofferenza in maniera diversa riducendo l’indice di dolore diventa un ottimo supporto nei percorsi di convalescenza. 

In particolare, negli ultimi anni ha trovato sempre di più applicazione nei percorsi di cura che riguardando malattie oncologiche, cardiologiche e neurologiche. 

Oltre che essere utili ai pazienti, la mindfulness offre numerosi benefici anche agli operatori sanitari, ai medici e a tutte quelle figure che lavorano in contesti in cui la malattia e la sofferenza sono largamente presenti e che, quindi, sono maggiormente esposti al rischio di burn-out. 

La mindfulness aiuta queste persone a prendersi cura di se stesse, a crearsi uno spazio di respiro che li aiuti ad affrontare lo stress accumulato durante una giornata lavorativa e a fare caso alle proprie sensazioni fisiche e alle loro emozioni. 

Percorsi psicologici e psicoterapeutici

La mindfulness si inserisce all’interno delle tecniche cognitive comportamentali di terza ondata. 

Sebbene esistano delle vere e proprie psicoterapie basate sulla mindfulness, gli esercizi di consapevolezza possono essere utilizzati all’interno di percorsi psicologici e psicoterapeutici per ottenere diversi risultati. 

In primo luogo, può essere un importante aiuto nella crescita personale dei pazienti in quanto li aiuta ad acquisire consapevolezza del proprio mondo interiore e ad integrare sensazioni fisiche, emozioni e pensieri. 

Con la mindfulness si impara a comprendere come gli eventi influiscono sul nostro corpo e come reagiamo ad essi. Inoltre, si capisce come affrontare le difficoltà e la sofferenza in modo funzionale al nostro benessere. 

La mindfulness per disturbi specifici

Oltre alla crescita personale, la mindfulness può essere un valido strumento per quanto riguarda il trattamento di disturbi psicologici

Negli anni, infatti, sono stati sviluppati protocolli basati sulla mindfulness e pensati per essere utilizzati con alcuni disturbi specifici. 

Ad esempio, il protocollo MBCT (Mindfulness Based Cognitive Therapy) è nato per aiutare le persone che in passato hanno affrontato momenti di depressione a prevenire l’insorgere di ricadute. 

La mindfulness, inoltre, è utile per tutti coloro che soffrono di disturbi d’ansia o attacchi di panico. Insegnare a questi pazienti alcuni semplici esercizi di consapevolezza come, ad esempio, lo spazio di respiro dei tre minuti può aiutarli a contenere e affrontare la sintomatologia ansiosa.

La mindfulness è anche usata per il trattamento dei disturbi del comportamento alimentare.

Numerose pratiche di mindful eating sono nate con l’obiettivo di insegnare alle persone ad avere un rapporto più sano e consapevole con il proprio corpo e l’alimentazione. 

Infine, altri ambiti di applicazione, riguardano il disturbo da deficit di attenzione e iperattività o ADHD e i disturbi psicosomatici.

Conclusione

Abbiamo visto come la mindfulness grazie alla sua flessibilità e ai numerosi benefici si presti a numerosi ambiti di applicazione. 

Se anche tu dopo aver letto questo articolo sei curioso di provare a praticare questa disciplina ho qualche consiglio per te. 

Sfogliando la sezione Introduzione alla mindfulness potrai trovare tanti articoli che ti aiuteranno a muovere i primi passi nell’approcciarti alla mindfulness. 

Nella categoria Tecniche di mindfulness troverai, invece, tanti consigli e suggerimenti utili a costruire la routine mindfulness perfetta per te e affrontare alcune difficoltà che potresti sperimentare nella pratica quotidiana. 

Se invece desideri approfondire un ambito di applicazione in particolare o i benefici che la mindfulness può offrirti allora ti consiglio di dare un’occhiata alla categoria Mindfulness applicata

Infine, iscrivendoti alla mia newsletter otterrai subito una pratica guida illustrata con tanti consigli utili ad iniziare questo percorso. 

In più, ogni mese avrai la possibilità di ricevere audio e pratiche guide che ti aiuteranno nella tua pratica quotidiana e a raggiungere i tuoi risultati.

Potrebbe anche interessarti